Oblique: Giulio Aldinucci // venerdì 19 ottobre al Garibaldi Books & Records

Il Garibaldi Books & Records ha il piacere di annunciare la performance di Giulio Aldinucci all’interno della rassegna Oblique, organizzata da Brusio NetlabelQmedia ed Erica Guss.

OBLIQUE – Rassegna di musiche insolite
Nel cuore del centro storico di Palermo è raro incontrare delle “musiche oblique”. Suoni e rumori si amalgamano, infatti, in un sottofondo sintetico e lineare. Oblique si pone dunque al centro di questo equilibrio. Si tratta di una rassegna insolita: una piccola edicola musicale (Garibaldi Books & Records), inserita nel cuore della cosiddetta movida, che diventa luogo di un incontro “altro” fra gli ascoltatori e le loro abitudini notturne.
Ascolti difficili e forse disturbanti, poiché del tutto fuori contesto, che suggeriscono di riconvertire gli ambienti dello svago in possibili spazi di interesse culturale e di condivisione, nei quali tracciare
linee oblique al piano generale, pigro e ortogonale.

BIO
Giulio Aldinucci, nato a Siena, è attivo da anni come compositore negli ambiti della sperimentazione elettroacustica e della ricerca sul paesaggio sonoro. Il suo nuovo album, Disappearing in a Mirror, è
uscito su LP e CD, per Karlrecords, nel settembre 2018. Ha partecipato a lavori collettivi e ha composto musica per performance teatrali, opere di videoarte, documentari e cortometraggi. Ha inoltre contribuito a numerose raccolte, tra le quali Home Normal Elements, The Wire Tapper e Sound at work – Musica elettronica e mondo del lavoro, realizzata dal centro di ricerca musicale “Tempo Reale”.
La sua composizione Mute Sirens ha ricevuto una menzione d’onore al 18° International Electroacoustic Composition Competition Música Viva 2017. Insieme ad Attilio Novellino ha lanciato Postcards from Italy, progetto che consiste in un album
pubblicato da Oak Editions, un’istallazione e delle performance (la prima si è svolta al Cafè OTO di Londra) ad opera del collettivo AIPS e di Gianmarco Del Re. È curatore della sezione Soundscape Practice dell’Archivio Italiano Paesaggi Sonori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *