Assemblea Baratto e scambio a S.Saverio alla presenza del Sindaco

Lunedì 13 Marzo dalle ore 16:00
Chiesa di San Francesco Saverio
Piazza San Francesco Saverio, 1, 90134 Palermo

Baratto e Scambio a San Saverio: Da condizione marginale a centro di risorse.

Per anni, quello di San Saverio è stato un mercato dimenticato dal resto della città. È sempre stato considerato il mercato “degli altri”, ignorando che negli anni stesse crescendo abbandonato a sé stesso.
Il modo di vedere la questione deve cambiare. Per questo, SOS Ballarò, l’amministrazione comunale, i residenti, i venditori del mercato, l’università, si riuniscono con la presenza del sindaco e la partecipazione di Ilda Curti, esperta di progettazione e innovazione urbana, già assessore alla rigenerazione urbana e integrazione del Comune di Torino (2006-2016), in un’assemblea pubblica per discuterne con sguardo nuovo.
Lunedì 13 Marzo alle ore 16 nella chiesa di San Saverio
Gli attori coinvolti esprimono la volontà di creare un progetto comune di studio, valutazione e spinta al cambiamento, che li veda tutti coinvolti nella riflessione e nell’azione: il mercato di San Saverio non più come pregiudizio da estirpare ma visto attraverso una nuova lente che lo mostri come risorsa.

PROGRAMMA

Mattina : Workshop al cui interno saranno rappresentate il maggior numero di categorie interessate: venditori, residenti, la parrocchia di San Saverio, dirigenti e funzionari dell’amministrazione comunale, le associazioni di quartiere, gli esercenti, l’Università.

Ore 16: inizio assemblea pubblica.

Interverranno:
– Ilda Curti (esperta di progettazione e innovazione urbana, assessore alla rigenerazione urbana e integrazione del Comune di Torino dal 2006 al 2016);
– Leoluca Orlando (Sindaco del comune di Palermo);
– Restituzione dei lavori dei partecipanti ai lavori del workshop della mattina.

Si prevede un momento di microfono aperto, cosicché i partecipanti all’assemblea abbiano la possibilità di esprimere opinioni e pensieri sull’argomento.
L’assemblea è pubblica e aperta a tutta la cittadinanza interessata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *